Ieri, domenica 23 gennaio, all’Angelus, Papa Francesco, anche alla luce dei recenti fatti che coinvolgono l’Ucraina, ha lanciato un accorato appello perchè si possano trovare le vie del dialogo e della soluzione pacifica dei conflitti.
Queste le sue parole:

Seguo con preoccupazione l’aumento delle tensioni che minacciano di infliggere un nuovo colpo alla pace in Ucraina e mettono in discussione la sicurezza nel Continente europeo, con ripercussioni ancora più vaste. Faccio un accorato appello a tutte le persone di buona volontà, perché elevino preghiere a Dio onnipotente, affinché ogni azione e iniziativa politica sia al servizio della fratellanza umana, più che di interessi di parte. Chi persegue i propri scopi a danno degli altri, disprezza la propria vocazione di uomo, perché tutti siamo stati creati fratelli. Per questo e con preoccupazione, viste le tensioni attuali, propongo che mercoledì prossimo 26 gennaio sia una giornata di preghiera per la pace.

Raccogliamo questo appello invitando tutti a dedicare nella giornata di mercoledi prossimo un pensiero ed una preghiera per la pace.