Il 2 agosto di ogni anno è diventata la Giornata della memoria dell’olocausto dei rom e dei sinti. Le leggi antirazziali hanno colpito anche le persone e famiglie rom e sinti, portando alla morte nei lager almeno 500.000 persone rom e sinti, tra cui molti bambini.
La memoria ha sempre uno sguardo all’attualità ed oggi anche ad ogni forma di violenza, di disprezzo, di abbandono, di umiliazione delle persone e famiglie rom e sinte.
Il loro stile di vita, che talora ci provoca per l’essenzialità, il  senso  della  provvisorietà,  è  motivo  di  riflessione  e  contestazione sul nostro stile di vita. L’amore alla famiglia, alla vita, ai piccoli e agli anziani forse ha qualcosa da insegnare alle nostre famiglie e alle nostre città.
È un giorno, il 2 agosto, che ricorda fino a che punto possa arrivare il disprezzo per un altro uomo, di un’altra religione o minoranza, per essere vigili affinché non ritorni in altre forme di violenza e disumanità nelle nostre città.
È un giorno per ricordare e riflettere, ma anche per impegnarci per un mondo fraterno, dove non esistono più minoranze- come ci ricorda Papa Francesco nell’enciclica Fratelli tutti – ma uomini e donne in cammino insieme nella storia.

Mons. Gian Carlo Perego
Presidente Cemi e Fondazione Migrantes