E’ stato presentato dalla Fondazione Migrantes il Rapporto Italiani nel Mondo, che giunge nel 2021, alla sedicesima edizione. L’edizione di quest’anno si interroga e riflette su come l’epidemia di Covid-19 abbia influenzato la mobilità italiana. Cosa ne è stato dei progetti di chi aveva intenzione di partire? Come hanno vissuto coloro i quali, invece, all’estero già risiedevano?
Chi è rientrato? Chi è rimasto all’estero?
Il Rapporto descrive le principali città dove vivono le comunità italiane all’estero e vengono raccontate storie, riportati numeri, descritte problematiche che hanno vissuto e stanno vivendo in questi tempi difficili. In particolare il Rapporto evidenzia la situazione degli occupati nei settori connessi al turismo, travolti dall’emergenza sanitaria. Chi lavorava come dipendente in questo settore con contratto a tempo determinato, non regolare o in nero è stato falcidiato dalla pandemia sociale. In diversi paesi europei sono state le Missioni cattoliche italiane a intercettare le richieste di aiuto materiale e le solitudini durante il lockdown
Il volume raccoglie le analisi socio-statistiche delle fonti ufficiali, nazionali e internazionali, sulla mobilità dall’Italia e si occupa, contestualmente, del movimento migratorio interno al Paese. Secondo i dati, l’unica Italia che continua a crescere è quella che risiede all’estero: al 1° gennaio 2021 sono 5.652.080 gli italiani residenti all’estero (il 9,5% degli oltre 59,2 milioni di italiani residenti in Italia) con un aumento del 3% nell’ultimo anno, pari a 166mila presenze. Al contrario l’Italia ha perso 384mila residenti sul suo territorio.
Il 45% degli oltre 5,6 milioni di iscritti all’Aire (l’anagrafe per gli italiani all’estero) ha tra i 18 e i 49 anni, il 15% sono minori, il 20,3% ha più di 65 anni. La Sicilia è la comunità più numerosa all’estero, con oltre 798mila iscrizioni, seguita da Lombardia, Campania, Lazio e Veneto.
I cittadini italiani residenti oltre confine negli ultimi sedici anni sono aumentati dell’82%, le donne in particolare dell’89,4%.
Per leggera una sintesi del Rapporto seguire il link

(https://www.migrantes.it/xxx-rapporto-immigrazione-2021-verso-un-noi-sempre-piu-grande/)